Puntin, il prezzo del Gas e la transizione ecologica

la transizione ecologica

Non sono uno stratega militare ne voglio infilarmi in una disamina sui motivi politici di quanto sta accadendo in Ucraina, voglio solo portati a conoscenza di uno di questi, ma del quale nessuno ne parla.

La Transizione Ecologica

Di certo avrai sentito parlare del progetto denominato – Transizione Ecologica – con il quale L’Europa mira all’auto sufficienza energetica entro il 2050 , eliminando tutte le fonti fossili per produrre Energia, quindi Gas, Carbone e derivati del Petrolio.

Altra cosa della quale ne avrai sentito parlate in TV o letto sui giornali, è la grande quantità di metri cubi che sia la Germania e sia l’Italia e a seguire tanti altri paesi europei, acquistano dalla Russia.

Adesso devi tener presente che per la Russia solo la vendita di Gas rappresenta il 7% del suo PIL, poi ci sono petrolio e carbone.

Parliamo di svariati miliardi di Euro che ancora oggi incassa , ma che per i prossimi 30 anni andranno sempre a diminuire fino ad arrivare ipoteticamente a zero.

COME SI ACQUISTAVA E COME SI ACQUISTA IL GAS DALLA RUSSIA

Fino a meno di un decennio fà, le forniture di Gas venivano acquistate attraverso dei contratti cosi detti long term (10/20 anni di fornitura assicurata), regolati dalla formula TAKE OR PAY – ovvero o ti prendi la merce o me la paghi ugualmente.

Tali contratti avvenivano attraverso le Aziende di Stato, per l’Italia se ne curava la Eni .

Di quelli che sono ancora in auge, effettivamente GAZPROM li sta onorando, ma solo per il quantitativo minimo stabilito, per la restante parte si rimanda l’acquisto sul mercato giornaliero (detto mercato Spot) .

…e quindi?

E quindi immagina il Presidente/dittatore di un Paese con oltre 100 milioni di abitanti, ma che si posiziona solo al 12° posto per ricchezza procapite e con una prospettiva futura fatta di maggiore povertà, quale pensi che possa essere la sua reazione?  Far salire i prezzi e monetizzare quanto più possibile.

Infatti è notizia di pochi giorni che Putin dai paesi Europei che ritiene ostili, pretende il pagamento in Rubli, nel tentativo di difendere il valore della loro moneta, richiesta che rappresenta più uno spauracchio che altro, ma sicuramente crea scompiglio.

Puntin è un despota, ma non è nè scemo nè pazzo come vogliono farci credere.

Chi si è creduto più intelligente sono stati i governanti Europei, quelli sani di mente, che hanno ben pensato di non coinvolgere la Russia in questo processo di transizione ecologica o energetica, se vuoi.

Bastava non escluderlo e magari il prezzo del Gas non sarebbe così alto e, come purtroppo lo sarà ancora per un lungo tempo.

A presto. Ciao!

Pasquale

Condividi con amici e colleghi
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Un Regalo per Te

Guida alla lettura di una bolletta di Energia e Gas

Invalid email address
Tengo alla tua Privacy quanto alla mia. 

Lascia un commento