#Tlc – Portabilità del numero di telefono. Tempi e modalità

portabilità del numero di telefono

In questo post vado ad affrontare un argomento che sta a cuore a tutti: la portabilità del numero di telefono da un Gestore ad un altro.

Poche ore fà, durante un incontro con un nuovo Cliente, questi mi ha raccontato di una precedente cattiva avventura, subita proprio in fase di portabilità del numero di telefono fisso della sua attività, da Telecom a Wind .

Faccio un piccolo appunto. Nella foto ho volutamente inserito solo i nomi dei Gestori più conosciuti, perchè non tutti sono presenti sia nel settore Mobile che in quello del Fisso.

Si parte !!

Allora iniziamo con lo stabilire le differenze che ci sono tra la portabilità del numero Mobile e quella per il Fisso.

MNP: anagramma di – Mobile Number Portability – , comunemente conosciuta come “Portabilità” . E’ quel processo che consente di mantenere il proprio numero di cellulare quando si decide di cambiare gestore.

La tempistica di una portabilità su rete mobile è stabilita tra i 3 e i 5 giorni. Qualche volta capita che venga rifiutata dal gestore cedente per “incongruenze” , il quale però è tenuto a indicare quali siano in modo che il nuovo gestore possa richiederla con le dovute correzioni.

GNP: anagramma di – Geographic Number Portability – , invece si riferisce alla “Portabilità” del numero di rete fissa.

La tempistica in questo caso è più lunga, abbiamo un massimo di 10 giorni dal momento in cui il nuovo gestore la richiede. Anche per questo tipo di portabilità si verificano ritardi e quindi i tempi possono dilatarsi. In questo caso spesso i ritardi sono di natura tecnica.

Se per la telefonia Mobile, le cose sono più semplici, per il fisso qualche complicazione può verificarsi, allora scendiamo leggermente  nel dettaglio.

Come funziona la Portabilità del numero di telefono di rete fissa

Mentre la portabilità di rete mobile è un qualcosa di più semplice, quella di rete fissa, seppur raramente, incontra ancora degli ostacoli. Cercherò in modo semplice di spiegarne i perchè.

Fino a qualche anno fà, le numerazioni “nate” su rete di gestori concorrenti di Telecom (Fastweb – Vodafone – Wind ), non erano portabili e quindi il cliente o restava con quel gestore o perdeva il numero.

Questa era una situazione insostenibile e anti concorrenziale, che andava a danno sia del mercato e sia del Cliente, pertanto ad un certo punto tra i maggiori gestori di rete fissa, si è raggiunto un accordo per superare il problema. L’unico gestore che non ha aderito è Telecom Italia.

Infatti in Telecom Italia possono migrare solo le numerazioni native Telecom. Tutti gli altri con numerazioni “native” di altro gestore (081 19876xxx), non saranno accettati, quindi o cambiano numero o in Telecom non entrano (questo ad oggi) .

Ciò accade non tanto per una questione tecnica, che si potrebbe risolvere, ma più che altro come dicevo sopra, per una questione commerciale.

Vediamo le fasi del processo GNP

Iniziamo col dire che una numerazione telefonica, dal momento che viene generata al momento in cui viene cancellata oppure assegnata ad altro cliente (dopo oltre un anno) , resta sempre di proprietà del gestore che l’ha generata, anche se la si porta ad altro. Quindi in fase di portabilità è sempre al padrone del numero che bisogna rivolgersi.

Es. Numero nativo Telecom Italia 081 57840xxx , attualmente in capo ad Wind. Il cliente sceglie di passare a Vodafone, il processo funziona così:

Vodafone chiede la numerazione a Telecom – Wind cede la numerazione a Telecom – Telecom la cede a Vodafone. Fine. E’ chiaro..?? Spero di si.

Talvolta capita che una portabilità venga rinviata, quindi vediamo un pò senza scendere troppo nel tecnico, quali possono essere le ragioni e le soluzioni al problema:

  • Le informazioni anagrafiche fornite dal cliente al gestore entrante, non corrispondono in pieno a quelle in possesso del gestore uscente e così quando quest’ultimo si vede arrivare la richiesta di passaggio del numero, per correttezza (a volte per malizia), non molla la numerazione. Cosa fare ?? Se ci sono incongruenze nei dati, fornire quelli giusti al nuovo gestore e se questo non basta , scrivere all’ AGCOM senza aspettare più di tanto.

  • Il passaggio della numerazione viene sempre legato ad una data prefissata tra le parti (gestori), ma alcune volte il gestore uscente dismette con anticipo la numerazione senza rispettare la data prestabilita cosi facendo la numerazione finisce in una sorta di limbo della rete, fino a data prevista e tu non potrai ne fare ne ricevere chiamate. Cosa fare ?? Attendere fino alla data prevista (prima non si può far nulla), dopo puoi segnalare la cosa all’AGCOM.

  • Il cliente risulta moroso al gestore uscente (a giusta ragione o meno che sia) , il quale indebitamente fa leva su questo punto per non mollare la numerazione. Come difendersi ?? Scrivere all’ AGCOM senza aspettare più di tanto.

  • Se sei cliente Telecom e con il tuo ufficio/azienda/casa, vuoi trasferirti in un’altra zona servita da un’altra centrale, la probabilità di perdere il numero è altissima. In quel caso dovrai sceglierti un altro gestore

Si può perdere una numerazione..??

Questa è una delle domande che più frequentemente mi viene rivolta e anche da qui rispondo: No..!!  Una numerazione in fase di passaggio non si perde.

Che a qualcuno sia capitato è realtà quindi negarlo da parte mia sarebbe come dire una cosa non corretta.

Dietro la perdita di una numerazione ci sono sempre dei motivi che spesso invece di spiegarli bene al cliente che subisce il danno, i gestori attraverso il loro “servizio clienti” , si rimpallano la responsabilità facendo solo opera di scaricabarile.

Ma a loro difesa bisogna anche dire che per il cliente la colpa è sempre del gestore entrante, cosa assolutamente non veritiera, perché al 99%  è di quello uscente, fidati. Cmq sia, in un caso limite come la perdita del numero di telefono, ad oggi hai un valido strumento al quale rivolgerti. E’ uno sportello Online che fa capo ai CORECOM , ma con una procedura molto più rapida. Qui trovi tutte le spiegazioni – Clikka qui – 

Questo è quanto ti serve conoscere in merito alla portabilità.

Spero sia soddisfatto, sei hai domande o vuoi raccontare una tua vicissitudine posta un commento. Grazie!

A presto. Ciao!

Pasquale

Condividi con amici e colleghi
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Lascia un commento