Cosa ci insegna (o dovrebbe) la questione Covid19

Forse è ancora presto per renderci conto di cosa è successo e di quanto andrà ad impattare sulla nostra vita la vicenda Covid19.

Siamo tutti spaesati e impauriti, ma anche fiduciosi perché abbiamo bisogno di farci coraggio ed è giusto che sia cosi.

Non si tratta di automotivazione o di positività di pensiero, ma del naturale istinto di sopravvivenza che è in ogni essere umano e che in situazioni di pericolo viene sempre fuori.

Per iniziare a farci un’ idea più concreta ci basta pensare che stiamo vivendo un evento che si racconterà per i secoli a venire. Ti saresti mai immaginato di entrare in un libro di scuola come fossi un soldato della seconda guerra mondiale? Io no, ma sarà così .

Ma cosa possiamo imparare da tutto questo?

A mio modesto parere, possiamo imparare 2 cose:

  • Che il futuro lo puoi programmare, ma non dominare.

  • Che un piano B devi avercelo sempre, a prescindere.

Ma quanto di tutto questo ci mette sulla stessa strada e perché ho scritto queste parole?

Perché la vita si divide tra salute e lavoro. Sulla prima non ho nulla da insegnare a nessuno, ma sulla seconda dopo oltre 30 anni da libero professionista un consiglio e qualche riflessione mi fa piacere condividerla con te.

Di cosa andremo a caccia a domani

risparmio-guadagno

Ancor più di ieri andremo a caccia di risparmio, ma il risparmio è una pianta da coltivare ogni giorno.

Un Detto antico recita (te lo dico nella mia lingua): ” ‘o sparagne nunn’è maje guadagne” .

Un Detto vero quanto falso perché in relazione con il risultato, se l’acquisto si è rivelato negativo o positivo.

Probabilmente un acquisto si è rivelato negativo quando:

  1. Quando hai pensato di ottenere 10 pagando 3.

  2. Quando hai acquistato da un incompetente.

Se non hai commesso nessuno di questi errori, allora hai risparmiato per davvero o meglio, ci hai guadagnato e sicuramente quel Detto, non ti ha manco sfiorato.

Allora cosa ti serve per guadagnare risparmiando?

Prima ti porto qualche esempio pratico per farmi capire bene.

  • I clienti Enel Energia in linea di massima sono quelli che pagano un kilowattora al prezzo più alto.
  • I Clienti Tim sono quelli peggio assistiti.

Cose che puoi appurare sui siti delle associazioni di consumatori, non me le invento di certo io.

Io posso dirti perché accade.

Accade perché approfittano dell’ampia diffusione del loro Brand, accade perché negli Italiani c’è diffidenza nel DNA, accade perché non c’è pubblicità, consulente o venditore che non ti bombardi solo di esempi di truffe o che ti parli male della concorrenza per darsi un tono ai tuoi occhi.

Per tutta questa roba qui non c’è più spazio, è finito il tempo delle chiacchiere, del restare immobili o di buttare via soldi, domani ogni risparmio dovrà tramutarsi in guadagno.

E il risparmio-guadagno sta nell’acquistare ciò che realmente ti serve per raggiungere un obiettivo funzionale nel tempo e che non ti lasci a piedi quando ne hai più bisogno, ma per ottenerlo va studiato da chi ha i giusti strumenti e la giusta esperienza.

Pensaci e scrivimi nei commenti le tue impressioni.

In bocca al lupo. Ciao!

Pasquale

Condividi con amici e colleghi
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Lascia un commento